Guanti monouso in nitrile o in lattice?

guanti-monouso-in-nitrile

Guanti monouso in nitrile o guanti in lattice? Con polvere o senza polvere? Quando ci si trova a dover effettuare un acquisto di guanti monouso per esigenze professionali non è sempre facile orientarsi verso la scelta più funzionale.

Ecco alcuni consigli ed indicazioni per scegliere il migliore prodotto per le proprie esigenze lavorative, in modo da valutare con attenzione le caratteristiche dei prodotti da acquistare.

Prima di tutto i guanti in nitrile risultano essere più resistenti rispetto ai guanti in lattice, soprattutto per quanto riguarda la perforazione ed hanno anche una maggiore resistenza agli agenti chimici. Queste caratteristiche non influisco sul grado di elasticità dei guanti in nitrile, che rimane invece elevata.

L’elasticità è infatti è una qualità fondamentale dei guanti monouso dal momento che conferisce maggiore sensibilità ed ergonomia, che risulta leggermente inferiore al lattice, ma decisamente superiore al vinile. Proprio per queste caratteristiche vengono spesso utilizzati in ambito medicale.

Aspetto più banale rispetto a questa prerogativa risiede inoltre nel fatto che devono necessariamente essere utilizzati da tutti quei soggetti che risultano intolleranti alle proteine del lattice naturale.

Rispetto ai tradizionali guanti in lattice, infine, l’impiego dei guanti in nitrile ha un più ampio ambito di applicazione, essendo questi ultimi idonei al contatto con svariate tipologie di alimenti (fatta eccezione per quelli alcolici tuttavia poco presenti in natura), e per questo motivo sempre più adoperati per la manipolazione di prodotti alimentari.

Effettuata la scelta del materiale, un’altra questione che generalmente si pone in caso di acquisto riguarda la presenza o meno all’interno dei guanti della polvere. Meglio senza o con polvere?

La risposta al riguardo è relativamente semplice. Tenuto presente che la polvere utilizzata nei guanti è composta da amido di mais biassorbibile dal derma OGM free e in quanto tale priva di glutine, la scelta dipende dalle singole necessità d’uso. L’eventuale presenza di talco o polvere agisce infatti semplicemente da lubrificante per facilitare la calzata.